Uno stile di vita sano serve ora più che mai

stile di vita sano

Uno stile di vita sano serve ora più che mai. Siamo nell’epoca dello smart working, delle palestre e delle piscine chiuse, dei limitati spostamenti lontano dalla propria abitazione. Inoltre ci troviamo in inverno, quindi le attività all’aria aperta sono più difficilmente praticabili. Tuttavia è opportuno non trascurare, anche in questa situazione, il mantenimento di un sano stile di vita. E’ molto importante per evitare che, una volta usciti dall’emergenza, ci si ritrovi a fare i conti con l’incremento di malattie come diabete, cardiovascolari, tumori e respiratorie croniche favorite o aggravate da comportamenti scorretti.

Serve uno stile di vita sano

Non ci sono segreti dietro ad uno stile di vita sano: semplicemente è necessario seguire una corretta alimentazione, praticare regolare attività fisica, fare attenzione all’alcol, non fumare e in ultimo agire consapevolmente, consci che i nostri comportamenti possono avere conseguenze dirette o indirette sul benessere di ciascuno di noi. Sul non fumare non ci sono dubbi, mentre fare attenzione all’alcol significa in primis evitarlo. Se se ne beve invece è opportuno limitare le quantità. Seguire una corretta alimentazione significa prestare attenzione alla qualità e alla quantità degli alimenti che assumiamo ogni giorno. È importante adottare un’alimentazione varia e bilanciata, nella quale ciascun alimento concorra, con le sue specifiche proprietà nutrizionali, a garantire un apporto completo di tutte le sostanze necessarie al buon funzionamento dell’organismo.

L’apporto calorico degli alimenti

E’ determinante anche ripartire nella giusta misura l’apporto calorico giornaliero degli alimenti: il 20% per la prima colazione, 5% allo spuntino della mattina, 40% al pranzo, 5% allo spuntino del pomeriggio e 30% alla cena. I consigli sono molteplici: serve bere acqua in abbondanza (almeno un litro e mezzo al giorno); fare una prima colazione che includa latte (o yogurt) e un prodotto da forno; consumare cinque porzioni al giorno tra frutta e verdura (due e tre generalmente); consumare quotidianamente cereali (pane, pasta, riso, ecc.) privilegiando quelli integrali; mangiare pesce almeno 2/3 volte alla settimana; prediligere il consumo di carni bianche (limitando le rosse); essere consapevoli che i legumi forniscono proteine e fibre e pertanto sono da includere nell’alimentazione almeno 3/4 volte a settimana.

Grassi, zuccheri, sale e bevande zuccherate

E ancora: bene limitare alimenti ricchi di grassi, così come di sale, zuccheri e le bevande zuccherate. Come condimento meglio l’olio extravergine di oliva, mentre fra le cotture è importante privilegiare quella a vapore, alla piastra o al cartoccio, limitando quelle che prevedono aggiunte di grassi. Infine concludiamo con l’attività fisica: per mantenersi in buona salute è necessario «muoversi» cioè camminare, ballare, giocare, andare in bicicletta. Uomini e donne di qualsiasi età possono trarre vantaggio anche da trenta minuti di moderato esercizio quotidiano. Quando l’emergenza sarà finita potremo ricominciare a fare tutto ciò vogliamo, ma nel frattempo è opportuno mantenere uno stile di vita attivo anche tra le mura domestiche svolgendo esercizi semplici, alla portata di tutti, che richiedono poco spazio, e arredi o utensili domestici, iniziando con molta gradualità nei limiti delle proprie capacità e condizioni.