Come affrontare l autunno con cani e gatti

Come affrontare l autunno con cani e gatti

Come affrontare l autunno con cani e gatti. Anche i nostri animali domestici risentono infatti del passaggio dall’estate al periodo caratterizzato dalla caduta delle foglie. Le giornate si accorciano, le temperature si abbassano e arrivano inevitabilmente i primi freddi. Di conseguenza le attività all’aria aperta diminuiscono e si tende a trascorrere più tempo fra le mura domestiche. È proprio in queste giornate che va in scena il fenomeno naturale della muta: in sostanza il manto peloso di cani e gatti tende a rinnovarsi, in vista dell’inverno. Consiste quindi in una perdita di pelo, seppur in quantità minori rispetto a quella primaverile. Che cosa possono fare i padroni per dare una mano al proprio pet? Sicuramente è importante spazzolare regolarmente il mantello, avendo cura di eliminare il pelo in eccesso (allo stesso tempo si ridurrà la perdita di peli in giro per casa).

Come affrontare l autunno con cani e gatti

Così facendo si favorirà la ricrescita del pelo: per far ciò è utile anche utilizzare shampoo specifici e prodotti antiparassitari. Attenzione poi all’alimentazione: durante l’autunno è bene accertarsi che cani e gatti non prendano troppo peso. Ciò può accadere a causa di un minor esercizio fisico: importante dunque far sì che l’animale non si impigrisca troppo. Vale anche per noi esseri umani: è opportuno fare passeggiate con loro e nel caso sia possibile sarebbe bene effettuarle negli orari con temperature più tiepide, così come farli giocare il più possibile, stimolandoli al movimento. Un altro aspetto su cui bisogna fare attenzione è l’accensione del riscaldamento domestico: ormai siamo arrivati al momento dell’utilizzo dell’impianto casalingo e va ricordato che a causa del calore che si trova nelle abitazioni i parassiti tendono ad attaccare cani e gatti dentro casa.

Occhio ai malanni di stagione

Si tratta di un grande classico anche per cani e gatti, non solo per l’uomo o la donna. I nostri pet possono infatti accusare problemi all’apparato respiratorio o intestinali, ovvero soffrire di raffreddori e diarrea. Possiamo cercare di evitarli con alcune accortezze: per esempio i cani, soprattutto quelli di piccola taglia, abituati a vivere in appartamento quando escono potrebbero accusare lo sbalzo termico fra interno ed esterno. Il consiglio è dunque a non esagerare con l’impianto di riscaldamento e per ridurre lo shock potrebbe essere opportuno far indossare un cappottino. Nel caso si ammalassero niente paura: basterà contattare il veterinario per ricevere le indicazioni corrette sul da farsi.