Quando si diventa anziani? C’è chi dice a 75 anni

quando si diventa anziani

Quando si diventa anziani? Se ne potrebbe discutere in eterno. Convenzionalmente si è sempre pensato che l’anzianità iniziasse a 65 anni, ma oggi, con l’allungamento dell’aspettativa di vita, ha ancora senso questo limite? Probabilmente no, tant’è che nel 2018, in occasione del congresso nazionale della SIGG (Società Italiana di Gerontologia e Geriatria) è stata proposta una nuova soglia, posizionandola a 75 anni. L’idea di base è quella che un sessantacinquenne di oggi possa avere la forma fisica e cognitiva di un 40-45 anni di trent’anni fa. E allo stesso modo un 75enne la medesima di un individuo di 55 anni nel 1980.

Quando si diventa anziani?

Gli stessi protagonisti di questa diatriba sono d’accordo con quanto afferma la SIGG: secondo un’indagine presentata alla London School of Economics, condotta intervistando oltre 12mila over 65 in diversi paesi, due ultrasessantacinquenni italiani su tre dichiarano di non sentirsi per niente anziani. Addirittura quattro su dieci pensano che la vecchiaia inizi davvero solo dopo gli ottant’anni. E così si continua a guardare avanti: la rivista Scientific American si è persino chiesta se «i cento anni sono i nuovi ottanta?».