Dr Mario Rampa, Senologo di Clinica San Martino: “Combattere il tumore difendendo la femminilità”

Il tumore al seno è una patologia più frequente nella popolazione femminile: nel corso del 2019 ci sono stati circa 53mila nuovi casi di tumore alla mammella con un aumento in termini assoluti dell’1,15% rispetto al 2017. Ma la notizia positiva è che a 5 anni dalla diagnosi di questo tipo di carcinoma, la sopravvivenza dei pazienti, indipendentemente da altre patologie, è però in costante aumento: l’81% tra il 1990 e il 1994, è diventato l’85% nel quinquennio successivo, per salire ad oltre il 90% negli ultimi anni. In questo caso la prevenzione gioca un ruolo fondamentale.

La prevenzione è un elemento indispensabile per fare diagnosi precoce e quindi curare al meglio questa malattia, ma è altrettanto importante intervenire in modo sapiente anche da un punto di vista estetico. «Affidarsi alle mani di un senologo con competenze ed attenzione all’estetica è di enorme importanza, perché al giorno d’oggi non basta solamente curare, ma è anche necessario tenere conto di aspetti apparentemente collaterali alla malattia, ma di enorme importanza per la ripresa della vita sociale e personale della paziente”, afferma Mario Rampa, chirurgo senologo di Clinica San Martino esperto di oncoplastica.

“Oltre all’asportazione della parte tumorale è essenziale tenere conto dell’impatto psicologico che l’intervento al seno ha sulle pazienti», continua Mario Rampa. In passato l’unico obiettivo dello specialista era rimuovere il tumore, intervenendo, quindi, solamente da un punto di vista oncologico. Stava poi alla paziente, in un secondo momento decidere se rivolgersi a un chirurgo plastico.

“Oggi fortunatamente le cose sono cambiate, la guarigione è solamente il punto di partenza, è la base sulla quale poi si deve costruire un buon risultato cosmetico. Ecco perchè è nata la figura del chirurgo che pratica l’oncoplastica, che oltre a risolvere il problema dal versante oncologico, aggiunge un’elevata competenza estetica e cosmetica”, prosegue il dottor Rampa.
Con il termine “oncoplastica” ci si riferisce alle tecniche chirurgiche usate per rimuovere i tumori in modo da ottenere i migliori risultati estetici possibili sulla parte del corpo coinvolta.

“Laddove le condizioni lo consentono, si procede anche alla ricostruzione immediata del seno con un unico intervento” continua il dottor Rampa.

“Le tecniche migliorano e il connubio tra senologia e cosmetica sta portando a ottimi risultati per le donne che hanno dovuto affrontare un intervento a seguito di un tumore al seno. Nel corso della mia esperienza, oltre il 90% delle donne che ho operato con tecniche di oncoplastica e ponendo particolare attenzione al risultato cosmetico è tornata alla vita precedente l’intervento senza impatti sociali o psicologici. Molte mi hanno addirittura detto, che molto spesso chi non sa non se ne accorge nemmeno”.

Per le pazienti affette da cancro al seno la soluzione migliore, è il connubio tra la cultura oncologica e attenzione all’estetica per poter pianificare l’intervento chirurgico più idoneo alla paziente, nel rispetto della radicalità oncologica e del miglior risultato estetico. Se queste due professionalità risiedono in un solo medico è la soluzione migliore.

“Rivolgersi a un senologo che pratica l’oncoplastica è la migliore soluzione sotto tutti i punti di vista”, conclude il dottor Rampa. “È il miglior modo per avere un approccio personalizzato, pianificare il post- operatorio con maggior serenità e tornare alla propria vita nel più breve tempo possibile”.

Share